Sandro Botticelli dipinse la sua “Nascita di Venere” (172×278) fra il 1482 e il 1485. L’opera è esposta presso la Galleria degli Uffizi di Firenze.

Evento raro per l’epoca, Botticelli usò due teli di lino cuciti fra loro come base della sua opera, aggiungendo un’imprimitura a base di gesso sfumato di blu, per conferire  un particolare tono azzurrato. La pittura utilizzata, detta della “tempera magra”, aggiunse  una straordinaria luminosità.

Vivi l’arte attraverso un percorso sensoriale: Blulight gallery

Lascia un Commento

 

Recent Comments
Ravecca Massimo: Così come Oscar Wilde e Borges recensirono libri ...