Come non restare affascinati dall’immagine che Leonardo da Vinci ci ha inviato attraverso la sua opera. “L’ultima cena” contiene così tanti particolari, da lasciare lo spettatore quasi confuso, mentre viaggia con lo sguardo fra i vari personaggi. L’opera misura 4,6 × 8,8 m e si trova nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano; fu commissionata dal duca Ludovico Sforza. I componenti utilizzati da Leonardo per dipingere l’ultima cena, composti da tempere grasse a base di olio di lino e di uova stese su un duplice strato di intonaco, ne hanno causato un rapido degrado già citato dal Vasari nelle “Vite”. L’opera che ammiriamo oggi, quasi priva del colore originale, è solo l’ombra di quello che Leonardo generò grazie al suo genio artistico.

Vivi l’arte di Leonardo su Blulight gallery

Lascia un Commento

 

Recent Comments
Ravecca Massimo: Così come Oscar Wilde e Borges recensirono libri ...